Chi non impara non cresce e chi già sa, si aggiorni!

E’ iniziata la corsa verso i dati delle auto connesse

Tempo di lettura 2 minuti

FCA, tutti i clienti europei dei diversi brand e  LexisNexis Risk Solutions – azienda Usa che fornisce dati e soluzioni tecnologiche per le industrie – hanno raggiunto un accordo relativo ai veicoli connessi che potrà sfruttare i vantaggi delle tariffe legate al chilometraggio e, quindi, sull’utilizzo effettivo del veicolo, del noleggio auto a lungo e breve termine, delle soluzioni car sharing.

FCA e LexisNexis svilupperanno la loro collaborazione attraverso una piattaforma europea centralizzata di analisi dei dati relativi alla guida e ai veicoli connessi forniti dalle case automnobilistiche e dalle compagnie assicurative che aderiscono  a  LexisNexis Telematics Exchange. A partire dal 2020, i dati telematici dei clienti FCA e quelli relativi ai veicoli connessi FCA potranno essere condivisi, previo consenso dei clienti, con LexisNexis e con le compagnie assicurative per accedere a polizze vantaggiose e personalizzate offerte dalle compagnie che fanno parte della piattaforma.

Santo Ficili, Head of EMEA Motopar Service, Parts & Customer Care, Italy Business Center & EMEA Sales Operation, ha commentato:

“La nostra partecipazione nel LexisNexis Telematics Exchange e la collaborazione con il Pan-European Insurance Panel contribuirà inoltre ad accelerare lo sviluppo di servizi di assicurazione per veicoli connessi”.

Paul Stacy, automotive development director di LexisNexis Risk Solutions, ha a sua volta commentato:

”FCA assumerà un ruolo di primaria importanza nel settore automotive proponendo ai propri clienti servizi per auto connesse e utilizzando i dati al fine di ridurre il costo complessivo di proprietà. L’interesse dei consumatori nel prestare il proprio consenso a condividere i dati è destinato a crescere perché avranno la possibilità di accedere a particolari servizi, e FCA è strutturata per soddisfare le esigenze di questa clientela evoluta”.