E’ già da qualche tempo che mi sono chiesto, vedendo il lungo elenco di denunce pubblicate da IVASS sul suo sito circa l’emissione di tagliandi falsi o comunque non validi di pseudo compagnie di assicurazioni o intermediari non autorizzati, come mai oltre alla denuncia non venga perseguito penalmente chi perpetua questo illecito. Se l’illecito è commesso da società esistente, ma non abilitata all’assicurazione RCA, va perseguita quella società. Se invece è una  falsa emissione di tagliandi a nome di una società a sua insaputa, dovrebbe essere la stessa società a denunciare il falsario se indentificato. Solo nel caso l’illecito sia addebitabile a soggetto  non identificato, non c’è nulla da fare, ma non si dica che  la lunga lista che appare sul sito dell’IVASS con nomi, cognomi e in qualche caso indirizzi  e ragioni sociali, sono soggetti all’oscuro di tutto o anonimi. Visto il continuo proliferare di tagliandi falsi o comunque non validi c’è da pensare che  chi commette il reato la passi liscia.

Autoinforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA