Valutazioni tecniche
Stima del danno auto
Seminari
Tecniche riparative - Gestione del sinistro - Assistenza aziendale
Blog
Notizie, curiosità, informazioni
Adesivi e sigillanti
Seminario sul corretto utilizzo di adesivi e sigillanti
I nuovi materiali nella costruzione degli autoveicoli
Acciai alto resistenziali e Leghe di alluminio
La gestione del sinistro
Gestire il sinistro in carrozzeria
Furto - Incendio - Kasko
Interpretare correttamente le garanzie CVT nella liquidazione del danno
 
 
 

Noi avevamo preventivato a suo tempo il ritorno dell'obbligo di mediazione sotto diversa forma. Vi ricordate quello che è successo per la mediazione obbligatoria anche per i sinistri stradali, poi eliminata a seguito della sentenza della Corte costituzionale che ne ha dichiarato l'illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione? [...]
La motivazione di rendere obbligatorio il tentativo di mediazione presso istituti appositamente autorizzati, era dovuto alla volontà di alleggerire gli uffici giudiziari dall'enorme numero di cause pendenti per risarcimenti a seguito di sinistri stradali. Il fallimento dell'iniziativa, che poteva essere espletata senza l'ausilio di avvocati e con costi tutto sommato contenuti, era quasi scontata dal fatto che gli avvocati non fossero stati coinvolti se non per scelta personale e dal fatto che le Compagnie di Assicurazione non hanno quasi mai aderito alle chiamate in mediazione, tenuto conto che nell'ambito della propria associazione (ANIA) esisteva, ed esiste tuttora, un sistema di risoluzione delle controversie tramite la conciliazione con le maggiori associazioni in difesa dei consumatori. 
Vittoria gridata dagli avvocati che oggi si vedono premiati dal decreto legge 12 settembre 2014, n. 132 - Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile.
Infatti, chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa a una controversia in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti deve, tramite il suo avvocato, invitare l'altra parte a stipulare una convenzione di negoziazione assistita, che altro non è, che una sorta di tentativo di mediazione obbligatorio per poter procedere nel giudizio. Esattamente come era previsto nella vecchia procedura con la differenza che oggi vi è anche l'obbligo di farsi assistere da un avvocato.

Autoinforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

io carr

Sfoglia
Editoriali