"Chi non impara non cresce e chi già sa, si aggiorni!"

HELLA passa di mano

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI
Qualche giorno fa vi avevamo annunciato la gara per aggiudicarsi la maggioranza di HELLA. Il semaforo verde è arrivato dopo il ritiro degli altri pretendenti. Ebbene! Faurecia l’ha spuntata e acquisterà il 60% di HELLA, società fondata a Lippstadt nel 1899 dalla famiglia Hueck, per 3,4 miliardi di euro e un corrispettivo in azioni (pari a 13,57 milioni di nuovi titoli). In questo modo gli attuali soci di controllo di HELLA deterranno il 9% della nuova entità. Faurecia poi lancerà un’Opa sul mercato a 60 euro per azione per rilevare il restante 40%.

Continua a leggere

Una gara per Hella

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI
Il Gruppo tedesco, fondato nel 1899 e oggi specializzato nello sviluppo di sistemi completi per Automotive nella illuminotecnica ed elettronica e che figura anche tra le 100 più grandi società tedesche ed europee, è conteso da due gruppi: Faurecia (azienda leader con sede a Nanterre che orbita nella Holding di Stellantis sotto il controllo di Psa) e Plastic Omnium (fondata nel 1946 a Parigi da Pierre Burelle) che sono in competizione nella gara finale per acquisire la quota di maggioranza del gruppo tedesco.

Continua a leggere

Benzina e diesel, addio!

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI

Tutti lanciati verso la mobilità elettrica, anche se allo stato attuale l’impatto verso i consumatori non è dei più favorevoli. Almeno per quanto riguarda alcuni Paesi e zone geografiche che presentano ancora troppe difficoltà per le ricariche e l’autonomia. Poco importa, il processo iniziato non si ferma è su questa linea anche il ministro delle Infrastrutture e trasporti della mobilità Enrico Giannini, che in un’intervista a ‘la Repubblica’ ha dichiarato l’addio alle auto a benzina e diesel entro il 2040. “Nel governo stiamo ancora ragionando. Ci sono Paesi, come quelli del nord Europa, che hanno fissato il limite al 2030. Altri al 2040. A luglio arriverà l’indicazione della Commissione Europea.

Continua a leggere

Ricambi online

Tempo di lettura 3 minuti

ASCOLTAMI

La ricambistica dell’aftermarket italiana, connotata dalla filiera distributore, ricambista, officina, carrozzeria, è una delle reti più capillari esistenti che non ha riscontri in altri Paesi d’Europa.
Cambiare questo stato di cose risulta difficile, posto che il numero elevato di micro e medie attività di autoriparatori nel nostro Paese non accenna a diminuire, o meglio a concentrarsi.
Tecnologia, diminuzione del lavoro di manutenzione e riparazione saranno comunque determinanti in futuro per queste aziende e, ovviamente per tutta la filiara del ricambio.
Continua a leggere

HELLA rinnova il portale

Tempo di lettura 3 minuti

HELLA PARTNER WORLD presenta il nuovo portale dedicato ai propri partner distributivi, accessibile dal 24 luglio, 7 giorni su 7, h 24. Si tratta di uno spazio virtuale nel quale il distributore può trovare in modo sicuro tutto ciò che gli occorre per poter svolgere il proprio lavoro in modo efficiente, grazie a una navigazione semplice e intuitiva. Uno strumento di lavoro per muoversi agilmente nell’intera gamma dell’azienda, composta da oltre 40.000 tra ricambi, accessori e attrezzature, e si distingue oggi per una sezione aperta, navigabile da chiunque visiti il portale.

Continua a leggere

Ricambi veicoli d’epoca gruppo FIAT

Tempo di lettura 3 minuti

Chi si occupa per professione o per passione del restauro dei veicoli d’epoca del gruppo Fiat: Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth, ha oggi il compito facilitato dal progetto condiviso tra Heritage e Mopar® che propone a collezionisti e proprietari una selezione di ricambi originali.  Il progetto è partito con i paraurti anteriore e posteriore della Lancia Delta HF Integrale e della Lancia Delta HF Integrale Evoluzione, per poi proseguire con i paraurti anteriore e posteriore dell’Alfa Romeo 147 GTA ed un utile “car care set” con prodotti speciali per la cura delle auto storiche.

Continua a leggere

Autoricambi: parliamone!

Tempo di lettura 2 minuti

Tecnologia e pandemia hanno rivoluzionato il nostro modo di vivere, di socializzare e soprattutto il mondo del lavoro. In questo post ci vogliamo focalizzare in particolare su quello dell’automotive e sul settore dell’aftermarket e dei ricambi, che saranno sotto i riflettori nella ripresa e la situazione ritornerà alla normalità.
Il grafico, che abbiamo elaborato su dati ANFIA riferiti al Barometro Aftermarket, evidenzia l’andamento delle vendite nel 2020 rispetto all’anno precedente e come si può vedere  si è avuta una diminuzione  complessiva del -14,4%.

Continua a leggere

Pirelli, piano Industriale 2021-2022|2025

Tempo di lettura 2 minuti

E’ stato presentato il Piano Industriale Pirelli 2021-2022|25 che racchiude due fasi distinte.
– 2021-2022, fase caratterizzata da un significativo rimbalzo del Pil globale (con un tasso medio annuo pari a +4,6%, trainato da Cina con +6,6% e Usa con +4,9%), legato alla campagna vaccinale. È previsto un generale apprezzamento dell’euro, in particolare verso il dollaro;
– 2023-2025, fase di stabilizzazione sia della crescita (con un tasso medio annuo atteso nel periodo a livello globale del 3,1%, con la Cina ancora trainante con +5,3%), sia del mercato valutario.

Continua a leggere

Milano Auto Classica e Sportiva

Tempo di lettura 2 minuti

Auto Classica e sportiva, si farà! La manifestazione è stata spostata al 1, 2 e 3 ottobre 2021 dando per scontato che la pandemia sia ormai un ricordo. Il Salone offre una grande esposizione di auto per tutti i gusti e di tutte le epoche, dalle classiche più iconiche, fino ai pezzi unici che faranno la storia di domani, proposte in vendita dai più importanti operatori del settore. Un’attenta selezione quantitativa e qualitativa di auto d’epoca opera a vantaggio dell’eleganza che contraddistingue, da sempre, Milano AutoClassica a livello internazionale.

Continua a leggere

Furti delle batterie al litio per auto

Tempo di lettura 2 minuti

Iniziato negli Stati Uniti il furto del pacco batterie dei veicoli ibridi, si è allargato a livello mondiale e ora, con l’incremento delle vendite, si sta verificando anche in Italia.  Occorre affermare che anche i malfattori seguono la tecnologia; se negli anni del boom erano ambite le autoradio e le ruote di scorta, ora seguono l’evoluzione tecnologica della vetture con il furto delle apparecchiature intertainment e i pacchi batterie al litio, entrambi alquanto costosi da sostituire e che vanno ad alimentare il mercato nero dei ricambi auto di elevato valore.

Continua a leggere