Chi non impara non cresce e chi già sa, si aggiorni!

Bosch display 3D

Tempo di lettura 2 minuti

L’evoluzione tecnologica dei veicoli si vede anche dai dispositivi che forniscono informazioni al conducente che hanno ormai raggiunto un livello di sofisticazione tale da diventare strumenti di utilizzo anche in altri ambiti. E’ questo il caso del nuovissimo display di Bosch che utilizza la tecnologia 3D passiva, il che significa che sono display 3D che non necessitano di occhiali speciali e non utilizzano telecamere per il rilevamento degli occhi.
La tecnologia genera un effetto 3D realistico che può essere visualizzato più velocemente di uno schermo tradizionale e può essere visualizzato da diverse prospettive e da più passeggeri contemporaneamente. Poiché gli effetti 3D dovrebbero cambiare in base alla posizione del passeggero nell’auto, il display 3D fornirà un’esperienza personalizzata per ciascun utente.
La profondità di campo del display può aiutare i conducenti a cogliere importanti informazioni visive. Dai sistemi di assistenza agli avvisi di ingorgo, informazioni importanti o urgenti possono “saltare fuori” dal display e catturare l’attenzione del conducente. Anche l’immagine della telecamera di retromarcia con display 3D sarà più realistica, consentendo una rilevazione precoce degli ostacoli e aiutando i conducenti a comprendere meglio lo spazio e l’avvicinarsi alle pareti.
Il display 3D crea anche un nuovo tipo di esperienza per i giochi, i film in 3D, l’integrazione dello smartphone e altro, migliorando l’esperienza del conducente e dei passeggeri con effetti visivi digitali più grandi e più attraenti.
Il display 3D Bosch utilizza un processo autostereoscopico per produrre l’effetto 3D. Una struttura dell’obiettivo inclinata, nota anche come pila ottica, viene applicata a un normale display automobilistico. La luce dei singoli pixel viene rifratta o diffratta dall’obiettivo e orientata nella direzione appropriata per creare l’effetto 3D per uno spettatore.
In sostanza, lo spettatore vede diverse viste parziali di un’immagine ripetute l’una accanto all’altra per creare una vista 3D priva di distorsioni.