Chi non impara non cresce e chi già sa, si aggiorni!

Dashcam, strumento sempre più utilizzato

Tempo di lettura 2 minuti

Cosa sono le dashcam? Si tratta di piccole videocamere create per essere installate all’interno dei veicoli per riprendere quello che succede mentre si guida. La scelta è abbastanza varia, con caratteristiche di ripresa alquanto diversificate: frontali, posteriori, con riprese a tutto campo, oppure per riprese interne all’abitacolo, utilizzate prevalentemente dai tassisti. Normalmente le dashcam si alimentano attraverso l’energia elettrica prelevata da una presa interna al veicolo (solitamente quella riservata all’accendisigari, ma per alcuni veicoli una porta USB) e si accendono e spengono automaticamente, contemporaneamente al funzionamento della vettura. Alcune dashcam in realtà pur spegnendosi mantengono attivi alcuni sensori così da permettere in caso di urto della vettura in sosta di registrare l’evento. 
Le riprese video vengono continuamente registrate nella memoria interna in tanti clip in modo tale che quando la memoria e satura, vengano sovrascritti (e ovviamente cancellati) i più vecchi. Ecco perché occorre che un evento particolare, che si vuole mantenere, debba essere salvato nella scheda di memoria. Le dashcam più sofisticate sono però in grado di registrare sulla scheda di memoria in modo definitivo eventi particolari (incidenti) in modo automatico, attraverso l’input da parte dei sensori che misurano alcuni parametri (p.e., la decelerazione improvvisa causata da un incidente). In effetti, le dashcam hanno lo scopo di documentare quello che accade davanti all’obiettivo al fine di costituire prova oggettiva (utile, ma non esaustiva in un eventuale giudizio), anche in assenza di testimoni oculari, atta a dimostrare la sequenza e l’evoluzione di un evento, utile anche ai fini di dimostrare la propria estraneità all’evento e, quindi, richiedere il risarcimento dei danni in caso d’incidente. 
Attenzione alla privacy
Le registrazioni sistematiche registrate dalla dashcam non possono essere divulgate, salvo anonimizzare le persone e i veicoli. In caso d’incidente è, invece, possibile mostrare la ripresa originale per fini personali alle autorità, o agli addetti alla liquidazione dei sinistri delle assicurazioni.

Riproduzione riservata ©