"Chi non impara non cresce e chi già sa, si aggiorni!"

Lavoro: mancano i professionisti

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI

Le analisi sul mercato del lavoro nel medio periodo devono considerare l’attuale contesto socioeconomico, caratterizzato da almeno tre grandi transizioni già in atto e in sinergia tra loro: la transizione digitale, la transizione ambientale e la transizione demografica. Si tratta di trasformazioni che influenzeranno profondamente la società sotto diversi aspetti e, soprattutto, la struttura occupazionale nel prossimo futuro. Le professioni del futuro saranno più complesse, le competenze richieste per svolgere queste professioni saranno altrettanto complesse e variegate.

Continua a leggere

La rivoluzione del veicolo elettrico è solo all’inizio

Tempo di lettura 3 minuti
ASCOLTAMI

Chi sostiene che gli attuali veicoli elettrici non presentano problematiche relative all’autonomia, alle infrastrutture, all’affidabilità e alla sicurezza, dice cosa non veritiera. Occorre invece prendere atto che la ricerca su questi veicoli ha fatto passi da gigante, anche se siamo ancora agli inizi di un’era che vedrà il veicolo elettrico raggiungere se non superare le performance e le caratteristiche di sicurezza di quello tradizionale alimentato da combustibili fossili.

Continua a leggere

La scomparsa del meccatronico

Tempo di lettura 3 minuti

ASCOLTAMI
C’è chi sostiene che l’attività di meccatronico andrà pian piano a scomparire, almeno così come la conosciamo ora, a causa delle avanzate tecnologie e in particolare per la mobilità elettrica, è solo una questione di tempo. Nella realtà dei fatti il meccatronico non avrà vita facile in futuro, ma non scomparirà di certo, e non solo per il parco veicoli con motorizzazioni endotermiche circolanti ancora per parecchi anni, che avranno necessità di riparazione e manutenzione, ma anche per particolari tipi di veicoli che continueranno ad essere prodotti con questo tipo di motorizzazione.

Continua a leggere

Batterie allo stato solido, una realtà

Tempo di lettura 2 minuti
ASCOLTAMI

Le batterie agli ioni di litio utilizzate per i veicoli elettrici sono attualmente insostituibili, ma presentano problematiche di sicurezza e autonomia che vanno superate. La soluzione proviene dalle batterie allo stato solido che, oltre ad offrire maggiore sicurezza, consentono autonomia fino al 50 per cento in più.
Factorial energy fabbrica di batterie partner di Stellantis e altre OEM, con sede a Woburn, nel Massachusettsin oltre sei anni  ha messo a punto una rivoluzionaria tecnologia a stato solido che affronta i problemi chiave che frenano l’adozione su larga scala dei veicoli elettrici da parte dei consumatori: autonomia e sicurezza.

Continua a leggere

Il futuro dei componentisti auto

Tempo di lettura 3 minuti

ASCOLTAMI
Il cambiamento tecnico e culturale in un paese che è stato ancorato per troppo tempo a vecchie convinzioni e abitudini è inevitabile. Il processo ormai avviato di elettrificazione dei veicoli comporta fra le altre cose notevoli problemi di adattamento per le aziende che producono componenti per auto, soprattutto nel nostro Paese che è uno dei principali fornitori internazionali. La dismissione graduata nel tempo delle motorizzazioni tradizionali endotermiche comporta inevitabilmente cambiamenti radicali per tutta la filiera dell’automotive.

Continua a leggere

BMW, l’auto cambia tonalità a comando

Tempo di lettura 3 minuti
ASCOLTAMI

Non è magia l’auto che cambia tonalità a comando. BMW in collaborazione con E Ink ha presentato al CES 2022 di Las Vegas in prima mondiale la BMW iX Flow con carrozzeria che cambia tonalità grazie alla tecnologia elettroforetica. Una tecnologia innovativa che utilizza la digitalizzazione per adattare anche l’esterno del veicolo alla tonalità richiesta del conducente. L’innovativa tecnologia E Ink apre nuove strade per le modifiche all’aspetto del veicolo in base alle preferenze estetiche del conducente, alle condizioni ambientali o anche alle esigenze funzionali.

Continua a leggere

TRANSIZIONE AUTOMOTIVE, Confindustria del nord, sconcertata

Tempo di lettura 4 minuti

ASCOLTAMI

I Presidenti Francesco Buzzella (Confindustria Lombardia), Pietro Ferrari (Confindustria Emilia-Romagna), Marco Gay (Confindustria Piemonte), Enrico Carraro (Confindustria Veneto) esprimono sconcerto e preoccupazione in merito alle ultime dichiarazioni del Comitato Interministeriale per la Transizione Ecologica – CITE sulla transizione tecnologica della filiera automotive. Questa è la nota diramata.

“A preoccupare, in particolare, è la mancanza di una progettualità chiara che consenta alle migliaia di aziende italiane del settore di adeguarsi gradualmente all’imposizione dell’Unione Europea di procedere con l’elettrificazione dei motori abbandonando completamente la combustione”.

Continua a leggere

Intelligenza artificiale, dove mi porti

Tempo di lettura 3 minuti

ASCOLTAMI 
Algoritmi, è la parola chiave che identifica l’intelligenza artificiale (A.I.). Si è svolta nei giorni 9-10-11-12, presso IBM Studios a Milano Piazza Gae Aulenti, Aixa, IV forum dedicato alle applicazioni pratiche dell’Intelligenza Artificiale. L’argomento per i non addetti ai lavori prefigura il futuro, ma oggi questo “futuro” è già presente. Carlo Antonelli, ad di Fiera Milano Media e direttore di Aixa, dice: «È una riflessione sul presente, non sul futuro perché penso che ormai stiamo vivendo tempi in cui la riflessione sul futuro ha poco senso.

Continua a leggere

Stop alla fabbricazione delle auto

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI
La carenza delle materie prime e soprattutto della fornitura di microcips, ha messo in crisi il settore dell’automotive.
Se pensiamo che l’elettronica nell’auto pesa per circa il 40%, ci rendiamo conto di quale impatto abbia per il comparto la mancanza di microcips. Significa, allo stato attuale, una diminuzione della produzione di veicoli dichiarata di toyota del 40%, che avrà riflessi anche per il gruppo Stellantis e Wolkswagen.

Continua a leggere

Italia prima in classifica

Tempo di lettura 2 minuti

ASCOLTAMI

L’avevamo previsto in tempi non sospetti, ma non così come si è presentata la situazione della produzione industriale nel primo semestre del 2021. Siamo primi nella produzione nazionale ed anche nelle esportazioni nel resto del mondo, soprattutto rispetto ai paesi UE maggiormente industrializzati.
Tutto questo è stato ben evidenziato dal Sole 24ore del 17 agosto, nell’articolo firmato dal Prof. Marco Fortis, Vicepresidente della Fondazione Edison.

Continua a leggere